Ricerche per corrispondenza

Previa consultazione della Guida online e verifica dei fondi fuori consultazione, l’utente può inoltrare la richiesta di ricerca archivistica per corrispondenza.

La richiesta deve essere inoltrata allegando la Domanda di ammissione, la scansione di un documento di riconoscimento e la ricevuta di pagamento (rimborso spese per il servizio) ai seguenti indirizzi: acs@beniculturali.it; acs.ufficiocassa@beniculturali.it

A prescindere dall’esito, il servizio ha un costo di € 10,00 che deve essere corrisposto anticipatamente all’Archivio centrale dello Stato.

Modalità di pagamento
I pagamenti per le riproduzioni devono essere effettuati anticipatamente, tramite una delle seguenti modalità:

  • Presso l’ufficio cassa, esclusivamente attraverso pagamento elettronico. E’ attivo, presso l’Ufficio Cassa, il POS che consente il pagamento con carte di credito e bancomat.
    • nei giorni: dal lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9.00-14.00
    • martedì e giovedì: dalle ore 11.00-14.00  e  15.00-18.30
  • Con bollettino di conto corrente postale intestato a Archivio centrale dello Stato –  Piazzale degli Archivi, 27 – 00144 Roma – c/c 25895798;
  • Tramite bonifico bancario all’indirizzo: Poste italiane S.p.A.
 COORDINATE BANCARIE INTERNAZIONALI (IBAN)
 Naz  Check  CIN  ABI  CAB  N. CONTO
 IT  57  S  07601  03200  000025895798
 BIC: BPPIITRRXXX.

La causale di pagamento deve necessariamente riportare:

– il nominativo del richiedente ossia il titolare della ricerca;
– il sintetico riferimento della ricerca (oggetto e arco cronologico).

La ricerca, assegnata ad uno o più archivisti per la verifica all’interno dei fondi di propria competenza, sarà evasa compatibilmente ai carichi di lavoro di ciascun Servizio.

Il costo di riproduzione della documentazione richiesta, viene comunicato tramite preventivo conformemente a quanto indicato sul Tariffario.

L’invio della riproduzione della documentazione è esclusivamente in formato digitale.

Modalità di pagamento e l’utilizzo delle riproduzioni, sono descritte nel Tariffario dell’ACS.

Si comunica all’utenza che, per eccessivo dispendio di tempo e risorse, non possono essere evase richieste di ricerche troppo estese o troppo generiche o per fondi fuori consultazione. In ogni caso non è possibile il rimborso delle somme versate.